difesa personale CORSI DI GRUPPO E PERSONALIZZATI La necessità di sapersi difendere è la molla che spinge numerose persone a frequentare corsi di difesa personale d'arti marziali o di cosiddetti sport da combattimento. C'è da chiedersi se è davvero necessario imparare a difendersi o se non si vada alla ricerca di qualcosa che ci consenta, attraverso la tecnica, di essere più sicuri di sé. Il pericolo più grande è di apprendere solo ed esclusivamente l'aspetto violento della tecnica, che pure esiste, ma che non deve essere il risultato finale né tantomeno lo scopo. Un buon corso deve possedere tre requisiti fondamentali: Il corso di difesa personale ha lo scopo di aumentare il livello di attenzione stimolando la percezione del pericolo ed evitando in questo modo di trovarsi nella necessità di usare le tecniche acquisite. Attraverso l'allenamento fisico e la disciplina mentale ognuno è in grado di migliorare l’autocontrollo, aumentare la coordinazione e sviluppare la consapevolezza delle proprie capacità. Sottoponendo il corpo a sedute di allenamento e attraverso la ricerca della perfezione tecnica si raggiunge un maggiore controllo della mente. Aumentando le facoltà della mente si ha un maggiore controllo del corpo (Ekkinkyo). Tutto questo consente di acquisire un miglior equilibrio interiore. Il principio della non violenza è la base di tutta la ricerca. Non è pensabile studiare, con scopi malvagi, tecniche che potrebbero causare gravi danni a un avversario. "Come la superficie lucidata di uno specchio riflette tutto ciò che le sta davanti e una valle silenziosa riporta ogni più piccolo suono, così, chi si appresta a praticare il karate, deve svuotare il proprio spirito da ogni malvagità e scopo egoistico per rispondere convenientemente dinanzi a tutto ciò che può incontrare.” (Gikin Funakoshi) La frase del Maestro indica chiaramente quale sia il principio fondamentale del Karate-do (autodifesa). Il mezzo è la tecnica. Le tecniche studiate nel Karate-do o nell’Aikido e comunque in tutte le arti marziali tradizionali sono sempre e comunque un ottimo esercizio ginnico e consentono di sviluppare in modo ottimale tutte le parti del corpo (muscoli, scheletro, organi interni). Le tecniche studiate saranno sì efficaci contro un ipotetico avversario, ma devono essere assolutamente indirizzate al miglioramento psicofisico di chi pratica. Concludo con alcune citazioni che esprimono magnificamente la mia opinione sulla vera utilità dello studio delle tecniche di difesa. "La tua gentilezza verso gli altri non è qualcosa che scegli, ma è l'unico comportamento che riesci ad attuare per difenderti dalla tua paura; e così sarai gentile con tutti e, inconsciamente, la parte debole di te li odierà e manifesterà la sua ostilità in mille modi indiretti che avveleneranno la tua vita prima di quella di chi ti sta vicino. Mentre se avrai lottato, metaforicamente e anche realmente, migliaia di volte contro mille nemici e possiederai la misura reale della tua forza e dei tuoi limiti, potrai scegliere veramente come vuoi essere, senza vivere la fatica immane della negazione dei tuoi sentimenti più profondi; può dire sì solo chi è capace di dire no; altrimenti si continua ad annaspare nella palude del sì, ma … no, però … che sono la negazione del vivere." (dal libro "La via delle arti marziali"di H. Reid e M. Croucher) "Analizzare i vantaggi serve a elaborare i piani. Analizzare gli svantaggi serve a evitare i danni". (dal libro "Arte della guerra" di Sun Tzu) "Karate ni sente nashi" - il karate non è mezzo di offesa o danno.” "Il karate insegna che le avversità colpiscono di più quando si rinuncia." "Il karate non è vincere, ma l'idea di non perdere." (Maestro G. Funakoshi, fondatore del Karate Shotokan) Questi sono la base di tutto l'insegnamento e i principi fondamentali dei nostri corsi che possono essere personalizzati in funzione delle esigenze del cliente.   Paolo Fraschini Nel 1985 Paolo Fraschini fonda la scuola Muteki Karate Do a Sesto San Giovanni (MI) di cui è tuttora Direttore Tecnico. Nel 1978 inizia a occuparsi di scorte, servizi di sicurezza e investigazioni. Abilitazioni sportive: Grado III dan Istruttore  dal 1986 Maestro   dal 1998 Arbitro Nazionale dal 2000
All Reserved - Via Massimo d’Azeglio, 8 - 20900 Monza MB - P.IVA 02600410928